Namibia. Viaggio fotografico.

 

Dal 1 al 12 Settembre inclusi! Viaggio on the road, con fuoristrada d/cab 4X4 adatto al territorio, alla scoperta di un fantastico paese per conoscere la sua natura spettacolare, i suoi popoli e le sue particolarità come il deserto che finisce nell’oceano e le spettacolari dune di Sossusvlei, il deserto del Namib, piante preistoriche, il Damaraland con gli ultimi elefanti del deserto e la popolazione
himba e la fauna africana protetta e salvaguardata nel suo habitat naturale come nel Parco Etosha (una delle più grandi riserve africane) oppure a Cape Cross, dove c’è la colonia di migliaia e migliaia di otarie sull’oceano Atlantico.
Riusciremo, utilizzando la fitta rete di strade sterrate, a raggiungere alcuni dei più bei luoghi del Paese e se fortunati, in completa solitudine.
Viaggio dedicato agli amanti della natura e dei grandi spazi, a tutti coloro che sono desiderosi di entrare in contatto con uno degli ultimi paesi africani a restare incontaminato (al di fuori delle grandi città). Un’occasione unica anche per gli amanti della fotografia per gli innumerevoli spunti sia nei paesaggi che nella ricerca della fauna.
Ai partecipanti è richiesto un minimo di spirito di adattamento per vivere ai ritmi della natura (sveglia molto spesso all’alba per poi andare a dormire poco
dopo il tramonto) e per affrontare eventuali inconvenienti che si potrebbero incontrare lungo le strade sterrate (le forature sono sempre in agguato!).

PROGRAMMA SOMMARIO:
Il viaggio è strutturato in quattro parti ben distinte.

  • La prima è dedicata al deserto in tutte le sue forme come il deserto sabbioso con le dune rosse di Sossusvlei (destinazione numero uno della Namibia), le varianti pietrose, rocciose, la savana desertica. In
    questa prima parte del viaggio gli incontri con gli animali non sono frequenti e avvengono sempre da molto lontano.
  • La seconda dedicata alla costa con tutte le asprezze dell’oceano Atlantico e della sua costa, duri ma affascinanti con le dune che finiscono quasi in mare, con la laguna di Walwis Bay e i suoi innumerevoli fenicotteri o la colonia di otarie di Cape Cross nella costa degli scheletri, chiamata così per i numerosi relitti dei naufragi avvenuti nel secolo scorso.
  • La terza parte riguarderà una zona semidesertica ricca di formazioni geologiche e rocciose particolari, abitata da una specie animale e da un popolo ambedue elusivi, abituati alla durezza e alle difficoltà di un di un ambiente ostile: si tratta degli elefanti del deserto e del popolo Himba; si andrà alla loro ricerca in un territorio ancora praticamente incontaminato, attraversato da poche strade sterrate in cui si trovano solo alcuni villaggi e lodge.
  • La quarta e ultima parte sarà dedicata completamente agli animali africani, di cui si andrà alla scoperta nel parco Etosha, uno dei più decantati parchi africani.

PROGRAMMA DETTAGLIATO

con fuoristrada d/cab 4×4

GIORNI 1 e 2

Volo dall’Italia con partenza da Roma via Francoforte diretto con Air Namibia. Arrivo a Windhoek il giorno successivo in primissima mattinata, trasferimento in città e sistemazione al B&B Casa Piccolo.

Giornata dedicata alla visita della città con la quale cercheremo di cogliere i contrasti che esistono in africa e capire qualcosa in più sulla realtà del paese. Un modo per ambientarsi e per prepararsi agli spostamenti dei giorni seguenti.

Pernottamento e colazione

Windhoek, la capitale, situata sull’altopiano centrale della Namibia, è una città affascinante situata a 1650 metri sopra il livello del mare, circondata da colline e dalle imponenti montagne Auas e Eros. Lo stile della città è caratterizzato dalle numerosi costruzioni di stile tedesco d’inizio secolo. I palazzi eretti nella zona commerciale della città ricordano, per forme e colori,  i loro predecessori in stile germanico. Palazzi coloniali, come il Tintenpalast (oggi sede del governo) e la Christuskirche donano una bellezza particolare alla città. L’Alte Feste, riflette la storia del paese: costruito come forte ora è un museo. Vi sono inoltre tre castelli tedeschi, progettati dall’architetto Willi Sander nei primi del 1900, che rendono un po’ surreale la visita della città africana. Windhoek significa “angolo ventoso” ed è una variante di “Winterhoek”, una fattoria nella Regione del Capo in Sud Africa dove il capo ottentotto Jan Jonker trascorse la sua fanciullezza. La città è oggi, a distanza di un secolo dall’occupazione tedesca, un’affascinante intreccio di culture europee ed indigene.

GIORNO 3
Windhoek -> Sossusvlei
Km. 305 ca. di sterrato nel deserto.

In prima mattinata partenza per Sossusvlei. Attraverseremo paesaggi per noi nuovi, con nessun segno di presenza umana, fino a giungere a Solitaire, tappa obbligata per chiunque percorra le strade di questa regione. Arrivo nel pomeriggio al Namib Desert Lodge***S. Pernottamento, cena e colazione.


Il deserto del Namib: Il Parco Namib-Naukluft racchiude uno dei deserti più antichi della terra. Questo mare di terra, pietre e sabbia che occupa la parte centrale del Paese, tra l’oceano atlantico e Windhoek, racchiude al suo interno delle gigantesche dune color albicocca alte fino a 300 metri: le meravigliose dune di Sossusvlei, forse la destinazione principe della Namibia. Fra le dune del deserto del Namib a Sossusvlei, si apre un bacino perfettamente tondo, piano e liscio, di un bianco abbacinante, fondo di un antico lago ormai prosciugato e ornato da scheletri di alberi morti. Al variare delle condizioni di luce, i colori e le ombre danno vita ad uno spettacolo indimenticabile associato al senso di maestosità dato dagli immensi spazi e dal silenzio rotto solo dal sibilare del vento. Il deserto del Namib è conosciuto anche come il “deserto che vive”. Con un po’ di fortuna ci si può imbattere in branchi di antilopi, zebre od orici adattatesi a vivere in questo luogo inospitale.

GIORNO 4
Deserto del Namib
Km. 120 ca. (asfalto)
Partenza prima dell’alba per Sossusvlei in modo da poter entrare il più presto possibile nel parco e poter godere ancora degli splendidi colori delle prime luci del mattino sulle splendide dune di sabbia, con la visita dei suoi Vlei (pozze effimere praticamente sempre asciutte) più famose: Hiddenvlei, Deadvlei e Sossusvlei.
Ritorno al Namib Desert Lodge***S
Cena, pernottamento e colazione.

GIORNO 5
Sesriem-Swakopmund
Km. 350 ca. (sterrato)
Prima colazione e partenza per Swakopmund, attraversando il Namib Naukluft park.
Lungo il percorso visita alla valle della luna e ad alcuni esemplari di welwitschia mirabilis, pianta che può arrivare all’età di 2000 anni e vive solo in una ristretta fascia desertica della Namibia sopravvivendo in un’ambiente drammaticamente ostile. Arrivo
nel tardo pomeriggio( in base alle soste fatte durante il percorso) al Delight***S, situato in pieno centro. A seconda dell’orario di arrivo, serata dedicata alla revisione delle fotografie.
Cena libera a Swakopmund.
Pernottamento e colazione.

GIORNO 6
Si percorrerà il deserto fino alle dune che affacciano sull’oceano. Skeleton Coast e laguna. Possibilità di fare un volo in mongolfiera (da pagare in loco) sul deserto del Namib. Fotografia notturna.
Pranzo e cena liberi a Swakopmund.
Pernottamento e colazione


GIORNO 7
Swakopmund -> Damaraland
Subito dopo la prima colazione, lasciato Swakopmund ci recheremo in  una delle più grandi colonie di otarie dell’africa australe, talvolta se ne trovano fino a centomila esemplari.
 Subito dopo attraverseremo il Damaraland utilizzando strade secondarie per giungere al cuore del Damaraland stesso dove c’è il Damara Mopane Lodge***S, situato in una posizione molto centrale e di nuovissima costruzione. Arrivo nel pomeriggio, con possibilità di incontrare gli Himba e gli elefanti del deserto.
Cena, pernottamento e colazione.

GIORNO 8- 9
Damaraland -> Etosha
km 240 ca (asfalto)
Giorni dedicati ai safari in cui visiteremo tutto il Parco Etosha dormendo 2 notti all’Etosha Safari Camp o similare all’ingresso del parco.  Il Parco Etosha è unico nel suo genere e quindi i safari si svolgeranno in modo leggermente diverso dal consueto. Essendoci pochissima acqua nel periodo della nostra visita, gli animali si concentrano intorno alle poche pozze esistenti. Non saremo noi a dover cercare gli animali in giro per le strade del parco ma ci apposteremo negli orari migliori presso le pozze in attesa del loro arrivo. Sarà quindi necessaria una buona dose di pazienza, fortuna e sarà indispensabile sfruttare al massimo le ore più fresche della giornata (prima mattina e tardo pomeriggio), quando gli animali vanno a bere. Possibilità di entrare da soli con il nostro fuoristrada o di partecipare a un safari con guide.

L’Etosha, uno dei parchi naturali più grandi al mondo è situato intorno ad una grande distesa di sale scintillante sotto il sole, alle cui estremità si trovano numerosissime pozze d’acqua visitate regolarmente da tutti gli animali del parco. Nella sua parte orientale, nell’Etosha pan (120 Km X 55) si radunano i piccoli e grandi mammiferi. Leoni, ghepardi, elefanti, rinoceronti, giraffe, zebre, sciacalli, antilopi, struzzi e gazzelle. Arrivano all’alba e al tramonto, vanno ad abbeverarsi alle pozze d’acqua, straordinari palcoscenici dove fermarsi con l’auto, indifferenti al tempo che passa. Perché in Africa il tempo, la pazienza e il rispetto sono le chiavi per chi vuole scoprire e godere lo spettacolo mutevole e avvincente degli animali. Una pozza d’acqua, immobile senza alcun segno di vita, può all’improvviso animarsi con decine e decine di elefanti e allora si potrà osservarli anche per un’ora intera mentre si bagnano, si spruzzano, giocano e bevono. Dopo gli elefanti può arrivare un branco di gazzelle, zebre o kudu e poi ancora le giraffe. Quando arrivano i leoni, la savana con i suoi animali diventa di colpo silenziosa, la pozza è come per incanto deserta.
Pernottamento e colazione.

GIORNO 10
Etosha -> Windhoek (550 km)
Lunga tratta per arrivare direttamente a Windhoek dove ceneremo e pernotteremo (cena libera) avendo il volo la mattina presto del giorno 11.

GIORNO 11
Rientro con il volo via Johannesburg e Addis Abeba. Arrivo il 12 con 2 scali.

 

Quota: 3200 euro.

La quota comprende :

  • voli con Air Namibia
  • pernottamenti
  • pasti come da programma
  • trasferimento da e per l’aeroporto
  • noleggio 4×4 con Km illimitati (ass. per abbattimento di franchigia da pagare in loco)
  • assicurazione contro il furto d’auto
  • quota iscrizione e tasse aeroportuali, al cambio attuale

La quota non comprende l’assicurazione medica, l’assicurazione bagaglio e l’assicurazione per l’annullamento del viaggio (Tot. di 260 € a persona).

Categories: news

Lascia un commento